logo carta del docente

Puoi utilizzare con noi la tua Carta del Docente. Contattaci per sapere come.

Quintadicopertina Factory

Scopri i nostri ebook

Kindle

iPad e eReader

ebook?

FAQ: Tutto ciò che non avresti mai osato chiedere rispetto all'editoria digitale. Scopri anche come comprare i nostri ebook e quale è il formato migliore per il tuo lettore.

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
E-mail


alfabeta2 n.17 MOBI
Visualizza Ingrandimento


alfabeta2 n.17 MOBI

Prezzo: €3,00


Versione mobipocket

Questa versione è la più adatta per Amazon Kindle e per tutti gli ereader che leggono il formato mobipocket.

Argomenti

«Ci sono delle cose che non si possono dire. Ci sono dei momenti in cui il mondo, di fronte alle nostre interpretazioni, ci dice No. Questo NO è la cosa più vicina che si possa trovare, prima di ogni Filosofia Prima o Teologia, alla idea di Dio o di Legge. Certamente è un Dio che si presenta (se e quando si presenta) come pura Negatività, puro Limite, pura interdizione». Così scrive Umberto Eco nel saggio – intitolato appunto Ci sono delle cose che non si possono dire – con cui si apre il focus sul New Realism – un saggio destinato ad alimentare il dibattito, in corso da mesi da una parte e dall’altra dell’Atlantico, sulla fine del postmoderno. Ma le pagine sul New Realism (le altre firme del focus sono di Maurizio Ferraris, che ne è il curatore, Markus Gabriel, Luca Taddio, Raffaella Scarpa, Jean Petitot) non sono le uniche, di questo nuovo numero di «alfabeta2», sulle quali si discuterà: il reportage di Dimitri Deliolianes dalla Grecia anno zero, l’articolo di Omeya Seddik sulla Vandea che è in noi (la controrivoluzione che è in noi), il bilancio appassionato e lucido di Lucia Tozzi sui Beni comuni un anno dopo, il nucleo di riflessioni sul Populismo (firmate da Marcello Flores, Alfio Mastropaolo, Fausto Bertinotti, Claudio Martini, Omar Calabrese, Alessandro Cannamela) sono alcuni esempi di quell’«intervento politico e culturale» che costituisce la ragion d’essere della rivista.

L’artista che con le sue opere illustra le pagine del numero 17 di «alfabeta2» è Jan Fabre.

Il supplemento alfalibri si apre con un doppio sguardo (Gigi Roggero e Renato Barilli) sulle Armi della critica di Alberto Asor Rosa. E ancora, tra i materiali dell’inserto: una intervista a Gianni Celati sulla sua traduzione prossima ventura dell’Ulisse di Joyce, un intenso «non-reportage» di Andrea Bajani dalla Romania (I cani di Bucarest), Monica Farnetti su Virginia Woolf, Rossana Campo su Jennifer Egan. Il fotografo del mese è Fabrizio Garghetti.







joomla template