Mutazioni in atto tra romanzo e videogame

Per diversi anni di seguito avevo dedicato il primo post del mio blog all’editoria digitale, ora penso che non sia più il caso. Quintadicopertina ha chiuso qualche mese fa e il mercato editoriale digitale è congelato in una forma minore che si è autoinflitta. Una prece.

Comunque la tecnologia per leggere diversamente non si ferma, tanto che questo post lo sto scrivendo con un tablet e-ink. E anche la letteratura elettronica si muove dove vuole. Scacciata dalla forma ebook trova nuovi media e nuove forme d’arte per sbocciare.

Qualche giorno fa ero a Genova a parlare negli spazi del centro studi analisi del linguaggio recentemente inaugurato, parlavo di letteratura elettronica e alla fine una parte considerevole del mio intervento era focalizzata su questa nuova narrativa che i videgiochi stanno portando.

Se segui questo blog non sarai sorpreso: ho raccontato questa agnizione con dovizia di particolari nell’ultimo decennio. Da A Night in the Woods a Disco Elysium, passando per Kentucky Route Zero e Life Is Strange il videogioco sta diventando una nuova arte non solo dal punto di vista del gaming puro, ma anche per quel che riguarda la capacità di veicolare messaggi che un tempo erano riservati alle arti maggiori come il romanzo o il lungometraggio.

E questo a me piace, fondamentalmente, la capacità del racconto di andare a occupare spazi, come una continua rivolta della comunicazione. In questo momento il mio lavoro più importante non è l’ennesima bozza di un romanzo o di una silloge, ma una visual novel a cui sto lavorando da alcuni mesi.

Leggere e giocare sono per me due forme diverse ma imparentate del creare mondi. In queste ultime settimane ho finito il Don Chisciotte (altro iperromanzo), I quaderni di Serafino Gubbio operatore (anche qua, con riflessioni importanti sul rapporto tra vita e tecnologia) e I miei stupidi intenti mentre giocavo e finivo Universe For Sale e Strays (curioso ma un po’ dispersivo il primo, un’occasione mancata il secondo). Per me narrativa e videogame continuano a camminare percorsi attigui, finché mi reggono gli occhi.

A questo proposito un occhio (…) lo tengo per seguire le nuove uscite tecnologiche della Onyx: il Boox Tab Ultra C è un interessante ibrido e-ink a colori con tastiera collegabile al volo a ‘mo di iPad. Certo, ci sono ancora un sacco di limiti nel colore, nel contrasto più debole se usato senza sovrilluminaizone e nel carico di calcolo per il refresh che ammazza i vantaggi della batteria, ma la curiosità di capire cosa cambi, se cambia qualcosa, a leggere, scrivere e giocare con un tablet e-ink a colori non nego che mi solletica.

Già ora con questo vetusto Boox Note3 stamattina, dopo aver letto una decina di pagine delle Ferrovie del Messico, aver letto i quotidiani, messo Faith dei The Cure in streaming, attaccata una tastiera e scritto questo post standard da blog anni novanta, giusto per vedere se si poteva farlo, ecco, la percezione che ho è che l’uso del digitale e-ink sia per me (e sottolineo il per me) molto meno tossico e con meno dipendenza animale e meccanica.

21. gennaio 2024 by fabrizio venerandi
Categories: digitale & analogico, ebook concetti generali, videogame | Leave a comment

“Cibernetica e fantasmi” a Recanati

Foto dalla mostra Cibernetica e fantasmi

È partita la mostra Cibernetica e Fantasmi a Recanati, all’interno del Museo civico di Villa Colloredo Mels. La prima mostra su poesia e intelligenza artificiale curata da Sineglossa in collaborazione con La Punta della Lingua e con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura della Regione Marche.
Dentro ci sono parecchie cose interessanti, tra cui le poesie finaliste del concorso Cibernetica e fantasmi di cui sono stato giurato. E – posso dire – davvero molte delle opere arrivate erano degne di interesse.
Nella parte museale c’è anche una mia opera: un salottino allestito da Sineglossa dove è possibile sedersi e leggere “è bellissimo”, il fotoromanzo poetico a cui ho lavorato negli ultimi mesi con dall-e via Bing che è stato per la prima volta stampato su carta e reso disponibile ai visitatori.

Un salotto anni cinquanta con i fotoromanzi di è bellissimo

La mostra andrà avanti fino al 30 dicembre con opere e contributi, oltre al mio fotoromanzo, di Nanni Balestrini, Marco Giovenale, Werner Herzog, Francesca Gironi, Paolo Agrati, Ross Goodwin e Sasha Stiles. Per ulteriori informazioni: https://sineglossa.it/news/cibernetica-e-fantasmi-una-mostra-su-poesia-intelligenza-artificiale/

18. dicembre 2023 by fabrizio venerandi
Categories: chatGPT, Il muscolo della poesia, Pagine di letteratura elettronica | Leave a comment

Progetto “nuova scuola”

Nella prima fase della nuova scuola si passerà da una lezione frontale a una lezione metamorfica in cui studente e oggetto di conoscenza si compenetreranno fino a perdere la distinzione – anche organica – tra discente e docente.

Tra gli innovativi organi interni interessati alla nuova didattica, il deleuterio, lo sciammatico e la frontaiosa. La progressione sarà armonica a partire dalle prime file, più ricettive, a proseguire poi verso il fondo.

studenti che lentamente metamorfizzano

La seconda fase della nuova scuola prevede una trasmutazione completa del discente, individuale e unica. Sarà compito del docente assicurarsi che non crescano all’interno della stessa classe forme organiche predatrici e forme organiche prede, per evitare spiacevoli assimilazioni di gruppo, complesse poi da giustificare davanti ai rappresentanti dei genitori.

_2ab8ebd9-eff9-4724-9d9a-49bf23a7dfa0

È successo (e sarebbe da evitare) che un mancato controllo delle metamorfosi di classe portino alla creazione di un artefatto centrale, dove il composto organico viene assemblato in maniera concreta utilizzando anche geometrie non euclidee, spesso con l’assorbimento anche del docente che avrebbe avuto sorveglianza della classe.

Oltre ai prevedibili problemi di ordine burocratico che il nuovo nucleo-classe comporta (un voto collettivo all’intero composto? davvero?) ci sono poi comprensibili lamentele anche dal personale ATA alle prese con oggetti che – sfuggendo alla geometria euclidea – richiedono tempo lunghissimi per la pulizia e il riordino.

_d3fc866b-8ccb-4325-b0c1-6b6a907c06bc

Parallelamente al modello nuova scuola, verrà mantenuto come falso cieco anche il tradizionale modello di scuola basata su didattica frontale. Per motivi deontologici e per un importante risparmio delle risorse ministeriali, sia docenti che studenti saranno però sostituiti da cartonati bidimensionali in bianco e nero.

Recenti studi dei rilevamenti PISA mostrano infatti che l’uso degli studenti in cartonato al posto di quelli reali non porta in realtà a curve di divergenza rilevanti.

_2b40ca54-8ef0-4b05-a782-984cff668641

15. dicembre 2023 by fabrizio venerandi
Categories: chatGPT, Pagine di letteratura elettronica, Scuola | Leave a comment

[Le forchincastro risbarcano a Genova]

_90573a3a-6198-4f47-b73b-e0ab94e9b6ec

06. dicembre 2023 by fabrizio venerandi
Categories: in tour | Leave a comment

Nuovo corso di letteratronica! (e nuovo ebook)

schermata-2023-11-02-alle-14-49-51

grafico di una interactive fiction Sta per partire il nuovo laboratorio di Letteratronica: un viaggio all’interno della letteratura elettronica, specificatamente quella che usa l’interattività, anche ludica, per raccontare delle storie. Parte delle lezioni saranno online in asincrono e parte invece attraverso incontri serali in videoconferenza. Due novità di quest’anno: ci si può iscrivere usando la carta docenti (se siete docenti); allegato al corso c’è anche un ebook scritto dal sottoscritto che parla appunto di letteratura elettronica, andando ad analizzare il mondo dei videogiochi con tematiche adulte.

I posti sono contati e – mi dicono – in esaurimento. C’è tempo per iscriversi fino al 10 novembre.

Qua trovate dettaglio del programma e tutte le informazioni per l’iscrizione.

Spread the voice!

02. novembre 2023 by fabrizio venerandi
Categories: Interactive Fiction, videogame | Leave a comment

Venerandi a FLAP!

[memo: domani a dio piacendo sarò a Pescara a Flap a parlare con Michele Piciocco di quello che faccio con i versi: voci suoni immagini codice luci illusioni vettori font: ci saranno anche un sacco di miei libri di carta, il mio odore di persona, spero di balbettare mentre parlo, rovinare a terra tra il pubblico, agitare la mano verso il cielo, mandare gemiti estremi, lasciare finalmente il segno, per terra, di bile]

[memo: domani a dio piacendo sarò a Pescara a Flap a parlare con Michele Piciocco di quello che faccio con i versi: voci suoni immagini codice luci illusioni vettori font: ci saranno anche un sacco di miei libri di carta, il mio odore di persona, spero di balbettare mentre parlo, rovinare a terra tra il pubblico, agitare la mano verso il cielo, mandare gemiti estremi, lasciare finalmente il segno, per terra, di bile]

06. ottobre 2023 by fabrizio venerandi
Categories: Il muscolo della poesia | Leave a comment

[la battaglia di Lepanto]

Arazzo della battaglia di Lepanto

Arazzo della battaglia di Lepanto

Sono qua che guardo l’arazzo della battaglia di Lepanto, poco fa sono uscito di casa per la prima volta dopo una settimana e mi sono seduto nella sdraio nel giardino fuori di casa e avevo con me due libri di antologia e un terzo era nell’ebook reader. E ho letto e quando non ce la facevo più, chiudevo il libro gli occhi e dormivo.

Poi mi svegliavo, sentivo il sole caldo su di me, riprendevo a leggere. Leggevo gli stessi passi in antologie diverse per confrontare le spiegazioni, capire le scelte che stavano dietro agli autori. E ho pensato a quante antologie ho letto nella mia vita. Quelle scolastiche che divoravo di nascosto alle elementari e alle medie, quelle pesantissime che avevo al classico e che ho buttato qualche lustro fa, che avevo riutilizzato anche all’università, quelle di mia moglie che ho usato per la preparazione agli esami per l’insegnamento, quelle grigie del materiale e dell’immaginario e che mi avevano stupito per la geografia delle scelte e dei percorsi, e le tonnellate di quelle che mi trovo a usare in classe oggi, tutte colorate, box dappertutto, piccole figure di quadri a riempire gli spazi.

E poi i romanzi, i poemi, le sillogi, i manuali di letteratura italiana, greca, latina, le introduzioni alla metrica italiana, alla lingua italiana, alla letteratura teatrale, alla drammaturgia greco romana, le versioni di greco e di latino, i pacchi di carta delle economiche che ho divorato diligentemente per decenni e decenni, gli ebook immateriali, gli autori contemporanei e tutto questo corpo nervoso che è la voglia di usare un sistema nato per memorizzare anfore e vasi e mucche e capre, usato per memorizzare l’inesistente, il sogno, la speranza, il crollo e l’amore.

Tutta questa roba che mi porto dentro e che fa parte anche del mio pensare quando parlo, quando emergono, come zattere, lemmi, figure retoriche, modi di vedere e di considerare il mondo e so che questo impasto a volte lo spezzo, a volte lo assecondo, a volte lo maledico e cerco di uscirne come si esce da un naufragio.

E tutto questo groviglio, visto da una certa distanza, è computabile. È storia millenaria di frottole e verità intrecciate e c’è un algoritmo dentro che pulsa e si rilascia, senza calore, un muscolo freddo capace di generare ancora per sempre e innovare per la fame predatoria che abbiamo, quella intellettuale, di ghermire le prede e mostrare i rapidi denti della nostra intelligenza, prima che sparisca.

Così alzo la testa e guardo ancora l’arazzo della battaglia di Lepanto e penso agli identici algoritmi che l’hanno generata pochi secondi fa con dall-e.

29. settembre 2023 by fabrizio venerandi
Categories: digitale & analogico, Il muscolo della poesia, Scuola | Leave a comment

Fotoromanzi generativi

Oggi parliamo di internet e come funziona

Oggi parliamo di internet e come funziona

Ho creato una pagina che raccoglie i fotoromanzi a cui ho lavorato in questi mesi usando un’IA generativa di immagini. Sono tutti leggibili gratuitamente ed è possibile sostenere il progetto per ulteriori sviluppi.

Tutto in questa pagina.

Buona lettura e spargi la voce, grazie!

26. agosto 2023 by fabrizio venerandi
Categories: Fumetti | Leave a comment

La fragilità del cloud

tweet di Suunto che mi dice che il mio orologio ha perso funzionalità

tweet di Suunto che mi dice che il mio orologio ha perso funzionalità

A gennaio, mentre cercavo di raggiungere mia figlia terzogenita che faceva calcio, ho messo male il piede e mi sono rotto qualche osso del metacarpo (o giù di lì) restando poi semi-immoblizzato a letto per due mesi e mezzo buoni. Sto ancora facendo riabilitazione e ieri – coordinato dal mio fisioterapista – ho fatto la prima corsa programmata, due minuti di corsa, uno di camminata e poi ancora due minuti di corsa, uno di camminata e così via per quindici minuti.
Continue Reading →

21. luglio 2023 by fabrizio venerandi
Categories: digitale & analogico, Mercato del lavoro, Programmazione | 1 comment

Tra le cose emerse nel workshop di scrittura e intelligenza artificiale ad Ancona

Tra le cose emerse nel workshop di scrittura e intelligenza artificiale ad Ancona: Continue Reading →

20. luglio 2023 by fabrizio venerandi
Categories: chatGPT, Il muscolo della poesia, Programmazione | Leave a comment

← Older posts

Newer posts →